Una domenica d'autunno...

Oggi ho cucinato un piatto storico! Dal libro "Mastering the art of french cooking" di Julia Child, sull'onda del mio amore per il film Julie&Julia che non riesco a smettere di guardare... Parla di amore, amore per il buon cibo e per la buona cucina. Parla del gustare, annusare e sentire ogni singolo ingrediente del piatto che si sta preparando.
É una preparazione quasi magica, nel suo lento sobbollire dentro il forno, non quel profumino così speciale che ne esce.


Più tardi ho cominciato a decorare casa per renderla più in linea con la stagione... Sono bastate poche mosse e il riutilizzo di ingredienti che già avevo in casa! Et voilà!

Vi allego la ricetta in copio e incollo dal www.cavolettodibruxelles.it

"Tagliare 160g di pancetta a bastoncini e farli bollire in un pentolino con dell’acqua e un pezzetto di cotenna per 10 minuti. Versare un cucchiaio di olio d’oliva nella vostra cocotte preferita, e farci cuocere i pezzettini di pancetta finché diventino croccanti. Toglierli e far dorare i cubi di manzo (ho preso 1kg di noce di manzo, tagliata poi cubi di circa 5×5cm) su tutti i lati. Mettere da parte la carne insieme alla pancetta e far dorare del grasso avanzato una carota e una cipolla, tagliate grossolanamente. Infine, rimettere la carne e la pancetta nella cocotte, salare e pepare e cospargere con due cucchiai di farina. Sistemare la cocotte al forno a 230°, senza coperchio, e lasciar tostare la farina per un 10 minuti, rimescolando il tutto a metà del tempo. A questo punto, versare, nella cocotte cioè sulla carne, mezzo litro di vino rosso più quanto basta di brodo di manzo in modo da coprire appena la carne. Aggiungere un cucchiaio di concentrato di pomodoro, un rametto di timo e una foglia di alloro, due spicchi d’aglio schiacciati e la cotenna sbollentata in precedenza. Portare a ebollizione sul fuoco, poi coprire con il coperchio e infornare in modo che continui a cuocere piano (da qualche parte fra 110 e 120°C) per 3 ore. Infine, pulire 400g di funghi champignon e tagliarli a metà, farli saltare in padella con un cucchiaio di burro per qualche minuto poi tenerli da parte (in realtà nella ricetta entrerebbero anche dei cipollotti, una ventina, anche loro cotte a parte con un po’ di burro e di brodo, solo che sabato mattina non sono riuscita a trovarle. beh… :). Quando sarà pronta (e quindi tenerisisma) la carne, ripescarla dalla salsa insieme ai pezzettini di pancetta, e passare tutto il resto della salsa al colino. In un pentolino, portare la salsa ebollizione e lasciarla restringere sul fuoco per un paio di minuti o finché abbia una consistenza da… salsa :) Nel mentre lavare la cocotte, rimetterci la carne, aggiungere i funghi e versare infine la salsa. Riscaldare il tutto e servire cosparso con un po’ di prezzemolo tritato.
Potete accompagnare il oeuf bourguignon con più o meno qualsiasi tipologia di patate, tanto per variare ho provate le patate Hasselback: sbuccire le patate e inciderle sottilmente a fettine sensa tagliarle del tutto, disporre le patate in una pirofila unta e far cuocere per 30 minuti a 230°C, sfornare, aggiungere su ogni patata un po’ di pangratatto, un po’ di sale, un fiochetto di burro e un’idea di parmigiano grattugiato, e rimettere al forno per 15/20 minuto o finché le patate non siano dorate. Servire calde."

Ah, bon appetit!

You Might Also Like

0 commenti